Passa ai contenuti principali

Elisabetta Cardella - These plants can kill

THESE PLANTS CAN KILL
Dal 16 al 24 febbraio 2019
Inaugurazione
sabato 16 febbraio 2019 ore 18.30
IpazziFactory
via Palestro 21, Pisa

Opere di
Elisabetta Cardella

Installazione interattiva a cura di
Alma Artis - Accademia di Belle Arti

Suono
Massimo Magrini

A cura di
Carlo Alberto Arzelà
"Un giardino pericoloso questo. Intrappolato nelle pietre, trafitto da spine, braccato da animali che mostrano i denti, circondato da insetti velenosi, fiori che avvinghiano fino a soffocarti. Occorre lottare. L’unica arma per uscirne vivi è la bellezza."





Really... it's a monkey business!


Da wikitionary:
monkey business (uncountable)

  • (US, slang) Wasting time, or effort, on some foolish project.
  • An activity that is considered silly, or stupid, or time-wasting.
  • (idiomatic) An activity that may be considered illegal, questionable, or a vice, but not felonious.
(traduzione google)
  • (US, slang) Perdere tempo, o di sforzo, in qualche progetto insensato. 
  • Un'attività che è considerato stupido, o stupido, o perdite di tempo. 
  • (idiomatico) Un'attività che può essere considerato illegale, discutibile, o un vizio, ma non criminale.
Così Guido ha motivato, a me che glielo chiedevo per e-mail, il titolo della mostra di sue opere che ci accingevamo a esporre... "Monkey Business" (appunto).
Beh, credo che la descrzione riassuma perfettamente la sua "poetica": graffiante, raffinata, colta, ironica ed anche autoironica.
Guido ha una mano felice e veloce. Spazia tra grafica e pittura ma con la reattività e l'impressività facile e immediata dell'illustrazione e del fumetto. Le sue immagini sono ricche di sottolineature che ci rimandano ad altro e che allargano l'orizzonte dei significati. C'è un sotto e un oltre. Tanto nelle soluzioni tecniche quanto nella scelta dei soggetti. I suoi sono frammenti, frame, di racconti dentro e intorno una contemporaneaità che è difficile da prendere sul serio... se non fosse però che questa invece è reale.

Guido Bartoli
a Monkey Business

18 marzo - 27 aprile  

VERNISSAGE
SABATO 23 MARZO 2013
ORE 18.00

Guido Bartoli
nato nel 1971 a Londra, vive a Pisa dove lavora come grafico e artista. Ha partecipato nel corso degli anni a svariate esposizionio collettive e realizzato mostre personali e installazioni nell'area pisana e a Milano e Modena. Ha realizzato illustrazioni per dischi e copertine di libri, tra i più recenti il disco No Country For Young Men del progetto Brother Green e Fegato di Ico Gattai. Buona parte delle suo opere sono quadri realizzate con pitture acriliche e matite su masonite (MD) ma ha lavorato anche con altri materiali: sculture di carta e cartone, sagome dipinte, livepainting digitale, pittura murale. Non è mai stato un disegnatore di fumetti anche se il fumetto è parte integrante dei suoi lavori, se dovesse indicare degli artisti che lo ispirano, direbbe Francis Bacon e Andrea Pazienza.













Altre info:  Guido Bartoli